IMG_0160 01

U’ lumine stutate – 52/2015

dall'obiettivo di Roberto de Rensis 52/20015

 

Dentre a na vecchia cappella abbandunate, pe’ terra nu lumin sò truvate, chissà di chi era e a chi ha fatte luce, sicuramente a quille là ngopp, sò sicure,

mò è chiù de nu secule che ne te ne fiure e lucette, e subbete na cosa mente me venette. Chissà  quanta cera e fumo ha cunsumate, era tutto nire e ammaccate  e pechesse u’ sò pigliate.

U’ sò arripulite e lucidate, e dentre ce sò misse tutte illuminate, la Nascita cchiù bella, chella che a tutt u’ Munne ha ‘ngandate.

 

Il LUMINO SPENTO                                                                           Dentro una vecchia cappella abbandonata, per terra  stava  un vecchio lumino , chissà di chi era e a chi avrà fatto per tanti anni luce, alzo gli occhi, sicuramente a quello là su in alto ne son sicuro. Oramai è più di un secolo che non fa più luce, ma guardandolo subito  una cosa in mente mi è venuta. Chissà quanta cera e fumo ha consumato, infatti era tutto nero ed ammaccato per questo l’ho preso, ripulito e addrizzato e  dentro c’ho messo tutta illuminata, la Nascita più semplice e bella che a tutto il Mondo ha incantato.

Lascia un Commento